2009 – Jenna Haze

Jenna Haze è stata una delle pornostar più prolifiche e di successo degli ultimi anni, con una produzione di film quasi ventennale composta da oltre 700 scene. Venne candidata al premio anche nei due anni successivi.

2010 e 2011 – Tori Black

Tori Black è stata la prima attrice a vincere due volte il premio, riuscendo inoltre a trionfare per due anni consecutivamente. Una vera e propria leggenda del porno che ha ottenuto candidature agli AVN Awards in 8 edizioni, fino al 2022, anno in cui è stata inserita nella Hall of Fame.

2012 – Bobbi Starr

Attrice che ha saputo mantenere un livello altissimo per quasi un decennio. Di origini albanesi, italiane e ungheresi, la Starr arrivò alla vittoria alla sua quarta nomination consecutiva nella categoria Female Performer of the Year, all’età di 29 anni, per poi essere candidata anche l’anno successivo.

2013 – Asa Akira

La prima vincitrice di etnia totalmente asiatica: figlia di genitori giapponesi, Asa Akira ha vinto 12 statuette in 12 anni di carriera agli AVN Awards, venendo candidata in almeno una categoria consecutivamente dal 2010 al 2021.

2014 – Bonnie Rotten

Dopo appena due anni dal suo ingresso nella pornografia, Bonnie Rotten riuscì a trionfare nella categoria. Regista ed attrice di successo, è stata tra le prime a sdoganare l’avere molti tatuaggi e a portare lo squirting come pratica di alto livello.

2015 – Anikka Albrite

La Albrite detiene un record unico: sposata col collega Mick Blue, nel 2015 hanno rispettivamente vinto come interprete maschile e femminile dell’anno, rendendoli la prima coppia sposata nella storia degli AVN Awards a vincere entrambi i premi contemporaneamente

2016 – Riley Reid

La “Sasha Grey” degli anni ’10, una delle pornoattrici più famose dell’ultima generazione che ancora oggi è tra le più viste ed amate dal pubblico di tutto il mondo. Nonostante gli enormi successi, che la rendono per molti una delle GOAT, anche una delle più “sconfitte”: Riley Reid ha infatti vinto solo in una delle sette volte in cui è stata candidata Female Performer of the Year, dal 2014 al 2020.

Prosegui l’articolo nella pagina successiva