Questa notte è arrivata la notizia della tragica scomparsa di Kagney Linn Karter, che si è tolta la vita a soli 36 anni.

Nata a Houston nel 1987 e cresciuta in Missouri, Kagney si trasferì in California per lavorare nel mondo dell’intrattenimento, per poi entrare a far parte del settore del cinema hard nel 2008. Fin da subito era riuscita ad attirare su di sé molte attenzioni: già nelle sue prime settimane aveva stretto collaborazioni importanti come Holly Randall, Naughty America e Johnny Sins. La Karter si era sempre detta orgogliosa del suo lavoro, tanto da usare il suo vero nome anche nel porno.

Dopo il primo anno e mezzo di successi arriva in nomination come Miglior Pornoattrice emergente agli AVN Awards (gli “oscar del porno”), categoria nella quale trionfa portandosi a casa la statuetta: gli anni ‘10 del porno iniziano con lei come miglior nuova star in circolazione. E Kagney Linn Karter mantiene le aspettative, girando per anni sui set più importanti d’America con quasi mille scene pubblicate e collezionando più di 30 nomination tra AVN, XBIZ e XRCO Awards, i premi più ambiti del settore, e raccogliendo quasi 300 milioni di visualizzazioni su PornHub.

Nel 2019, all’età di 32 anni, Kagney Linn Karter aveva deciso di interrompere la sua attività nel cinema pornografico per cambiare lavoro tornando alle origini, trasferendosi in Ohio e lavorando come istruttrice di fitness e di danza, la disciplina che ha rappresentato la sua prima passione giovanile. Nello specifico, si era particolarmente concentrata nell’insegnamento della Pole Dance.

Kagney Linn Karter era ormai da anni lontana dalle luci dei riflettori del cinema hard. Dei suoi ultimi anni, infatti, si sapeva poco fino a stanotte, quando il suo nome è tragicamente tornato a girare in tutto il mondo a causa del suo decesso, avvenuto molto probabilmente per sua stessa mano. Le sue collaboratrici strette hanno dichiarato che Kagney soffriva di depressione e che stava da tempo provando a combattere i suoi problemi di salute mentale.