Scarlit Scandal, pornostar statunitense nata il 27 aprile 1999, ha esordito nel mondo del porno nel 2019 e nel 2023 ha firmato un contratto d’esclusiva con Brazzers. Scarlit Scandal è una delle attrici porno di colore più apprezzate del momento. Scopriamo insieme chi è la attraverso cinque curiosità su di lei, in occasione del suo compleanno.

L’esordio nel mondo del porno

Nata e cresciuta in Florida, Scarlit Scandal ha debuttato nel mondo del porno a soli 19 anni, dopo aver contattato alcuni volti del settore su Twitter. La sua prima scena è stata girata con Rob Piper e si chiama “Booty Jackin’7“. Ad oggi ha girato più di 200 scene. Scarlit Scandal, comunque, è molto attiva anche su OnlyFans (attualmente iscriversi è gratis).

Best New Starlet 2021

I riconoscimenti non hanno tardato ad arrivare. Infatti, nel 2021 ha vinto l’AVN Awards per la Best New Starlet e l’XBIZ Award per la Best New Performer. Anche il 2022 sono stati costellati di titoli. La serie si è poi interrotta nel 2023. Ciò, però, non ha fatto demordere l’attrice, che anzi si sta spingendo sempre più in alto nella produzione di contenuti.

Il suo primo anal

Il 25 agosto 2023 la casa di produzione Brazzers ha rilasciato la scena “Love In Porn – Part 2 : Scarlit’s First Anal“. Come si può facilmente evincere dal titolo, si tratta della sua prima scena di sesso anale. Girata con Chris Scandal ad oggi ha fatto giù più di 40 K di visualizzazioni. Che sia l’inizio di un nuovo percorso? I fan attendono, adesso, la sua prima DP.

Le sue collaborazioni con l’universo Vixen

Scarlit Scandal ha girato diverse scene per le case che orbitano intorno all’universo Vixen. Per Vixen ha girato ben 5 scene, di cui tre menage a trois (uno con Ariana Marie e Manuel Ferrara, uno con Alexis Tae e Micheal Stefano, uno con Emily Willis e Oliver Flynn). Impossibile poi non menzionare Muse 2 con Rob Piper e Gianna Dior per Deeper. Anche qui sorge un’altra domanda, quando l’esordio su Tushy?

Scarlit-Scandal-chi-è

Il talento per le scene lesbo

L’attrice ha anche una particolare vocazione per le scene di sesso saffico. E’ sua una delle prime scene firmate Slayed, con Emily Willis, ma sempre per la stessa casa di produzione non può non menzionarsi Surveillance con Adriana Chechik, dovo la pratica dello squirting fa da padrone in scena. E ancora potremmo menzionarne altre, come quello per Twistys con Jewelz Blue.